A caso un giorno mi guidò la sorte (Andrea Gabrieli)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2015-01-12)   CPDL #34279:    1p:   2p:   3p:   4p:  
Editor: Allen Garvin (submitted 2015-01-12).   Score information: Letter, 8 pages, 147 kB   Copyright: CC BY NC
Edition notes: Parts and source available on IMSLP.

General Information

Title: A caso un giorno mi guidò la sorte
Composer: Andrea Gabrieli
Lyricist: Luigi Tansillo

Number of voices: 3vv   Voicing: SSA
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

Published: 1575 in Il primo libro de madrigali à 3 voci (Gardano press, Venice).

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

A caso un giorno mi guidò la sorte
In un bosco di quercie ombroso e spesso,
Ove giacea un pastor ferito a morte,
Che la sua Ninfa in sen se l'havea messo.
La giovane gentil piangea sì forte
Sopra'l suo amante, che l'amante istesso,
Ancor che la suo piaga era mortale,
Piangea il pianto di lei, più ch'il suo male.

Vaga d’udir, come ogni donna suole,
E per veder che fine avea la cosa,
In un cespuglio, ove appena entra il sole,
Dagli occhi d’ambedue ne stetti ascosa.
Il Pastor nel formar delle parole,
E’l pianto de la Ninfa dolorosa
Parea che intorno l’aria e le contrade
Facesser lacrimar per la pietade.

Con quel poco di spirto che gli avanza,
Non mi duol il morir, dicea il Pastore,
Purche dopo la morte abbi speranza
Di vivere alcun tempo nel tuo core:
Dicea il Ninfa, come avrà possanza,
Di vivere un de’ due, se l’altro more?
S’io vivo nel tuo petto, e tu nel mio,
Come, morendo tu, viver poss’io?

Mentre ch’ella le piaghe va sciugando,
A quel de’ suoi begli occhi il pianto beve,
O caso troppo lagrimoso, quando
Il ferito Pastor pur morir deve,
Veggio la bella Ninfa andar mancando
E cader morta; per finir in breve:
Rimasero ambidue morti in quel suolo,
Che l’una uccise il ferro, e l’altro il duolo.