E viver e morire - Scherzi d'amanti (Giovanni Stefani)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2016-01-23)   CPDL #38285:        (Finale 2012)
Editor: André Vierendeels (submitted 2016-01-23).   Score information: A4, 2 pages, 71 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: E viver e morire - Scherzi d'amanti
Composer: Giovanni Stefani
Lyricist:

Number of voices: 1v   Voicing: S
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

Published: 1621

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

E viver e morire,
mi fai quando di veggio faccia bela,
ma non si puo soffrire.
Quando mi vedi, mi ridi, mi fuggi, mi struggi, mi privi d'adire,
e poi mi dai martire,
quando fingendo, correndo, ridendo,
mi dici pian, piano, core mio bello, baciovi la mano.

Con quanta leggiadria,
m'acceni con la man, e poi t'asconi, dolce nemica mia.
Perche si presta, si destra, si bella, si fella,
si sto vai via per darmi gelosia,
poi ritornando, guardando, bruciando,
mi dici pian, piano, core mio bello, baciovi la mano.

Cor mio non fuggire,
dammi soccorso non m'abandonare,
che mi sento morire.
E pur ti chiamo, ti bramo, t'honoro, t'adoro, ti voglio servire,
non posso piu soffrir, deh vieni di fuora tal hora mia aurora,
e dimmi pian, piano, core mio bello, baciovi la mano.

Hor voi, che te lo dica,
tu sola mi poi far lieto e felice,
se mi ti mostri amica,
Alma mia bella, mia stela, mi'aita, mia vita, mia dolce nemica,
non esser si pudica, ved'il mio core, che more d'ardore, contental un poco,
che faro fuor d'affanni, penn'e foco.