Incanto della Schiava (from 'Triaca musicale') (Giovanni Croce)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
File details.gif File details
Question.gif Help
  • CPDL #04139:     
Editor: Claudio Macchi (submitted 2002-11-02).   Score information: A4, 21 pages, 1.74 MB   Copyright: CPDL
Edition notes: Large file, >1.7 MByte

General Information

Title: Incanto della Schiava (from 'Triaca musicale')
Composer: Giovanni Croce

Number of voices: 7vv   Voicing: SSAATTB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

Published:

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Partimo già dall’odorato cielo
Ove gl’Indiè Sabei non temono di gielo
Et hor siam dov’appare Città di tanto grido
Qui vi potren lasciare le ricche merci e lette
Vender la schiava di beltà perfetta
Poichè quest’è Vinegia
Loco che’l bello e’l buon produc’è pregia.
Ecco chi fa gl’incanti
O voi commanditori
Che volete Signori:
Noi all’incanto
Vendere vogliamo
Una fantesca bella
Non men fida ch’Ancella
Ci servirete
A questo pronti siamo e à chi la vuole
Farem la grida come farsi suole
Dunque dimanveremo
E seco la fantesca conduremo
Andate pur Signori
A Dio Comandatori.

Al dì Turti qui intorno accolti
Lo grido udite e’l vanto
Della schiava per cui si fa l’incanto
Ha bel viso auree chiome
E corrisponde al bel d’Angella il nome
Cuce ricam’indora
E gl’offici più bassi adempie ancora
Lustra pentole spiedi opra il pistello
Con mod’accontio e bello.
Dunque chi vuol di lei esser Signore
Darà prezzo maggiore
Et se diman verrete
Incantarla potrete
Ne al prezzo alcun sia parco
Viva San Marco.

A quanto la fantesca
Son mi primo all’incanto
Cusin c’habbie sto vananto
E se la tocca mi po far il mondo
Che tutti tre nu femo un ballo
A dies ducati e può se la me tocca
ghe voggio dar un dolce baso in bocca
à dies ducati e una i’ me dos meraviglia
Vinti ducados ista muchiachiglia
Trenta ducati Io Napoletano
C’ha te le conto deme mano
Trenta ducati e una
Mi foler dar per ste galante fie
Quaranta scudi e pagar malvasie
Quaranta scudi e una
Cinquanta scudi per quel bel visino
Il vostro Gian Brunachio Fiorentino
Cinquanta scudi e una
Per vita dello Roi
Sessanta scudi ‘u dare per Monfoi
Sessanta scudi e una
Settanta scud’el Gratian da Bulogna
Perchè la m’serv’in gratarmo la ruogna
Settanta scudi e una
Alza la ose e cria
Otttanta scudi e fa che la siamia
L’è vostra Signor mio
Dunque ognun con desio
Prima che noi partiamo
Cantam lieti cantiamo.