Piansi lunga stagione (Raffaello Rontani)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2016-11-26)   CPDL #42095:        (Finale 2012)
Editor: André Vierendeels (submitted 2016-11-26).   Score information: A4, 7 pages, 81 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: Pianti lunga stagione
Composer: Raffaello Rontani
Lyricist: Girolamo Preticreate page

Number of voices: 1v   Voicing: S
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

Published: 1622

Description: Text from L'Amante occulto, an Italian idillio by Girolamo Preti, published in Milan (1609).

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Pianti lunga stagione arsi e gelai
mà taciturno amante, le mie pene amorose,
nel centro del mio cor chiusi e celai,
arsi mà fu'l mio foco, si profondo ed occulto
che non fu noto a voi che l'accendeste
e fu del amor mio con sapevole solo amor ed'io,
soffersi ogni tornento ch'anima tormentat'ha nel inferno,
ma fra'i martir d'amore, non poter dir, oime, paru il piu fiero
anzi l'inferno ancora, e men crudo e penoso che'l silentio laggiu non ha ricetto
e fra l'alme dolenti,
s'odeno pur almen grida e lamenti.

Tacqui mà nel mio volto un palor si vedea,
che nel color di morte, era del mio morir nuntio facondo.
Quel non chieder aita, quella lingua tremante,
l'esser privo di voce appunto quelle,
eran titte d'amor voci e favelle,
ma voi bella cagion de miei tormenti
come fredda in amor' sord'a l'amante,
forse mai non udiste le tacite querele,
d'innamorato cor che muto parla,
viddi ben io tal' hora ch'a miei cupidi sguardi
rispos' ancho di voi cortese il guardo,
mà fra me diss'all' hora,
non è guardo amoroso,
non è sguardo pietoso
ch'amor non puo sentir s'amor non vede,
e non merta pieta, chi non la chiede,
dunque poi ch'io mi sento miseramente amando,
condott'omai della mia vit'a riva poi che l'incendio mio,
che nel silentio ascosi, omai sarà nel cener mio palese,
poi che mentre io mi tacqui,
quest' el duol che m'accora,
poi che mentre io mi tacqui, altri non tacqui,
e rese il mio silentio altrui loquace,
e gl'è ben temp'omai ch'afflitto e moribondo,
io dich'à voi mia vita, eccho ch'io moro!