Difference between revisions of "Amor tien il suo regno (Luca Marenzio)"

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search
m (Text replace - ".mus|Finale 2012]]" to ".mus|{{mus}}]] (Finale 2012)")
(Original text and translations)
Line 21: Line 21:
  
 
==Original text and translations==
 
==Original text and translations==
{{NoText}}
+
{{Text|Italian|
 +
Amor tien il suo regno
 +
nel viso di costei colmo di sdegno,
 +
tal che sdegno et Amor amici sono,
 +
e l'uno è fatto à l'altro sed'e trono.
 +
 
 +
E tal tregua fatto hanno
 +
per farmi oltraggio et arrecarmi danno.
 +
Ond' hor tra loro piu non fan contesa,
 +
na con giurati, sono a farmi offesa.
 +
 
 +
E quindi avien ch'io sento,
 +
sempre doppio martir, doppio tormento,
 +
me so se quel ardor che mi disface,
 +
sia disdegnosa o d'amorosa face.
 +
 
 +
Ma forse Amor dimora,
 +
col sdegno per pietade accio non mora,
 +
che se sol io'l vedesi una sol volta,
 +
fuggiria l'alma in un sospir acolta.}}
  
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Renaissance music]]
 
[[Category:Renaissance music]]

Revision as of 13:17, 13 May 2017

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png Music XML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2017-05-13)   CPDL #44488:      (Finale 2012)
Editor: André Vierendeels (submitted 2017-05-13).   Score information: A4, 2 pages, 53 kB   Copyright: CPDL
Edition notes:

General Information

Title: Amor tien il suo regno
Composer: Luca Marenzio
Lyricist:

Number of voices: 3vv   Voicing: SSB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

Published: 1586

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Amor tien il suo regno
nel viso di costei colmo di sdegno,
tal che sdegno et Amor amici sono,
e l'uno è fatto à l'altro sed'e trono.

E tal tregua fatto hanno
per farmi oltraggio et arrecarmi danno.
Ond' hor tra loro piu non fan contesa,
na con giurati, sono a farmi offesa.

E quindi avien ch'io sento,
sempre doppio martir, doppio tormento,
me so se quel ardor che mi disface,
sia disdegnosa o d'amorosa face.

Ma forse Amor dimora,
col sdegno per pietade accio non mora,
che se sol io'l vedesi una sol volta,
fuggiria l'alma in un sospir acolta.