O begl'occhi - Vaneggiamenti amorosi (Giovanni Stefani)

From ChoralWiki
Revision as of 15:44, 7 September 2019 by Claude T (talk | contribs) (General Information: Link to publication page, with sequential number)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2016-01-23)   CPDL #38278:        (Finale 2012)
Editor: André Vierendeels (submitted 2016-01-23).   Score information: A4, 3 pages, 72 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: O begl'occhi - Vaneggiamenti amorosi
Composer: Giovanni Stefani
Lyricist:

Number of voices: 1v   Voicing: S
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

First published: 1621 in Affetti amorosi, no. 14

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

O begl' occhi o belle chiome
che m'ardet'e mi legate,
senz' haver gia mai pietade,
deh fra i lacci e fra l'ardore,
rimirate chi si muore,
begl' occhi cari
del sol piu chiari,
vaghi capelli
dell' or piu belli,
di piu bruciarmi,
di piu legarmi,
lasciate il core.

Dolce fiamma e dolce laccio,
che stringendo mi struggete,
deh pieta di me prendete,
che ben degno e di mercede,
il mio'amor, e la mia fede,
soavi ardori,
dolce dolori,
dolci catene,
care mie pene,
s'io per voi sento
nel sen tormento,
dicalo Amore.

Altro modo e altro foco,
non mi stringa e non m'accenda,
non m'abbracci'e non mi prenda,
che per voi sol liet io moro,
O begl' occhi'o bei crin d'oro,
com' augelletto,
ne lacci stretto
come nel foco,
a poco, poco,
muor la fenice
co s'infelice,
mia vita muore.

Vivi raggi e bei legami,
poi ch'in voi non è pietade,
ma sol fera crudeltade:
questo corquanto volete,
stracci a t'e di struggete,
nel mio tormento
godro contento,
nel mio morire
potro pur dire
begl' occhi amati,
bei crin dorati,
voe l'honore.