A la dolce ombra de la nobil pianta

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

General information

A sestina by Antonio Minturno

Settings by composers


Text and translations

Italian.png Italian text

Prima parte
A la dolce ombra de la nobil pianta,
Qual mai non vid' il sol ne mosse l'aura,
Che di spinos' et honorate fronde,
Fa sopr' un colle un' amoroso bosco,
E l'herb' adorna di leggiadri fiori,
Cor si fuggendo quel ch'al vulg' è in pregio.

Seconda parte
Vago d'un alt' e faticoso pregio,
Dal tempo rio la gloriosa pianta,
Gia mi difese ond' i piu lieti fiori,
Ch'avvi' il sol nutrich' il nembo e l'aura,
Desti per qualche piaggia o'n qualche bosco,
Coglier sperava e le piu verdi fronde.

Terza parte
Mille lacciuòli havean le belle fronde,
Da prender qual piu di virtut'ha'l pregio,
Mille pungenti spine il folto bosco,
Ov' uopo havrebb' ogni spedita pianta,
Ben che piu presta e piu lieve che l'aura,
E'l serpente giacea tra l'herb' e i fiori.

Quarta parte
Sopra'l bel verde di novelli fiori,
Ornat' e sotto le medesme fronde,
Sedean cantando vaghe ninfe e l'aura,
Al ciel quell' harmonia ch'in sommo pregio,
Ne riportava e la vezzosa pianta,
Empie a di dolce odor tutto quel bosco.

Quinta parte
Qual meraviglia se mi piacque'l bosco,
E la rete de l'or fra novi fiori,
Mi pres' a l'ombra de la bella pianta,
E l'amoroso vesco in fra le fronde,
La dove morte e servitut' è in pregio,
Si dolce il canto e'l refrigerio e l'aura.

Sesta parte
Et hora il canto e'l refrigerio e l'aura,
Non so qual fato con quel verde bosco,
Di qui m'ha tolto e l'aspettato pregio,
Ne m'è rimaso invece de' bei fiori,
Del vag' odore e de l'amate fronde,
Altro che spine de la cara pianta.

Ultima parte
Quando de l'alma pianta'l santo bosco,
Fia ch'i riveggia e l'aura infra le fronde,
Risenta e de fior coglia il ricco pregio?
 

External links