La cieca (Giovanni Ghizzolo)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help

Part 1

  • CPDL #21927:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 5 pages, 120 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Coro di ninfe

  • CPDL #21928:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 3 pages, 80 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Part 3

  • CPDL #21929:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 2 pages, 80 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Coro di ninfe 2

  • CPDL #21930:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 2 pages, 60 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Part 5

  • CPDL #21931:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 2 pages, 70 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Coro di ninfe 3

  • CPDL #21932:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 2 pages, 66 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Part 7

  • CPDL #21933:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 4 pages, 108 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

Coro di ninfe 4

  • CPDL #21934:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2010-07-07).   Score information: A4, 4 pages, 88 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: La cieca
Composer: Giovanni Ghizzolo

Number of voices: 4vv   Voicings: Amarilli, Mirtillo, Corisca and SSB
Genre: SecularUnknown

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

First published: 1609 in Madrigali et arie, libro primo, no. 15

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

I.
Amarilli – Ecco la cieca.
Mirtillo – Ecco l'a punto a hai vista.
Amarilli – Hor che si tarda?
Mirtillo – A'hai voce che m'hai punto e sanato in un punto.
Amarilli – Ove sete? Che fate? E tu Lisetta che si braman' il gioco de la cieca. Che badi? E tu Corisca, ove se ita?
– Hor si che si puo dire ch'amor e cieco'ed' ha benati gl'occhi.
Amarilli – Ascoltatemi voi che'l sentier mi scorgete e quinci'e quindi Mi tenete per man, come fien gionte l'altre nostre compagne, guidatemi lontanda queste piante, ove'e maggior il vano e quivi sola lasciadomi nel mezzo con l'altr'in schiera ite con l'altr'in schiera, e tutte'in fieme fattemi cerchio'e s'incominc'il gioco.
Mirtillo – Ma che fara di me? fin qui non veggio qual mi possa venir a questo gioco como di ti che mio desir adempia ne so vefer Corisca ch'e la mia Tramontana il Ciel m'ate.
Amarilli – Al fin sete venute, e che pensaste di non far altro che bendar migli'occhi Pazzarelle che sete, hor cominciamo.

II.
Coro di Ninfe
Cieco Amor non ti cred' io
ma fai cieco il desio
di chi ti crede
che s'hai pur poca vist'hai minor fede
cieco non mi tent'in vano
per girti lontano
ecco m'allargo
che cosi ciec' ancor vedi più pargo
cosi cieco m'anodasti
e cieco m'ingannasti,
hor che vo sciolto
se ti credessi più sasarei bien stolto
fuggi scherza pur se fai gia non farra tu mai ch'in te mi fidi
perche non sai scherzar fe non ancidi.

III.
Amarilli – Ma voi giocate troppo largo
e troppo vi guardate da rischio
Fuggir bisogna si
ma ferir prima
toccate mi accostatevi
che sempre non ven' andrete sciolte.
Mirtillo – O sommi miei che miro?
o dove sono in cielo'in terra?
o cieli i vostri'e terni giri
han si dolce armonia le vostre stelle
han si leggiadri aspetti?

IV.
Coro di Ninfe
Ma tu pur perfido'e cieco
mi chiami'a scherzar teco
e d'ecco scherzo
e col pie' fugg'e con la man ti sfero
e corro'e ti percuoto
e tu t'agiri a vuoto
ti pungo ad' hora
ne tu mi prende ancora
O cieco'Amore
Perch'o libero'il core.

V.
Amarilli – In bona fe licori
ch'io mi pensai d'haverti priva,
e trovo d'haver presa'una pianta
sento ben che tu ridi.
Mirtillo – Deh, fossio quella pianta
hor non vegg'io Corisca
tra quelle frate'ascosa
e dessa certo
e non so che m'acenna
che non intendo
e pur m'acenn'ancora

VI.
Sciolto cor fa pie fugace
o lusinghier fallace
ancor m'alletti
a tuoi vezzi mentitia tuoi diletti
e pur di nuovoi riedo
e giro e fuggo e fiedo
e torno e non mi prende
e sempr'in van m'attende
O cieco Amore
perc'ho libero core.

VII.
Amarilli – Oposti svelta maladetta pianta,
che pur anco ti prendo quantunque'un altr'al brancolar mi sembri
forse ch'io non cre dei d'haversi franca a questa volta Elisa.
Mirtillo – E pur anco non cessa d'acenarmi Corisca,
e si sdegnosa che sembra minacciar vorebbe forse che mi mischiais anch'io tra quelle Ninfe?
Amarilli – Dunque giocar debb'io tutt'hoggicon le piante?
Corisca – Bisogna pur ch'a al mio grado'i parli
e d'esca dela buca Predila dapochissimo che badi ch'ella ti corra'in braccio?
O lasciati'al men prendere sudammi cotesto dardo,
e valle'incontra sciocco.
Mirtillo – O come mal s'accorda l'animo col desio si poco'ardiss'il cor che tanto brama.
Amarilli – Per questa volta ancortornissi'al gioco
che son gia stanca,
e per mia fe e per mia fe voi sete
Tropp'indiscrete a farmi correr tanto.

VIII.
Coro di Ninfe
Mira nume trionfante
a cui d'al mondo amante
empio tributo
ecol' hoggi deriso e col battuto
si come'a rai del sole
cieca notto la suole
c'ha mille'augei d'intorno
che le fan guerra e scorno
e ella picchia col becco in vano e s'erg'e sirani
chia cosi se tu beffato
amor in ogni lato
ch'il tergo e chi legote ti stimola e percuote
e poco vale perche stendi gl'artiglio batti l'ale
gioco dolc' ha pani'amara
e ben l'impara
augel che vi s'invesca
non fa fuggir Amor chi seco tresca.