Difference between revisions of "Amor, ond'è che tutto disarmato (Mateo Flecha el Joven)"

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search
(New work page created)
 
Line 21: Line 21:
  
 
==Original text and translations==
 
==Original text and translations==
{{NoText}}
+
{{Text|Italian|Coro I:
 +
Amor, ond'è che tutto disarmato
 +
lasciando Papho~e Gnido
 +
d'Adria volaste in questo picciol nido.
 +
Coro II:
 +
Per far il mio bel regno
 +
con la ricca beltà di questo lido.
 +
grande è più ch'ancor mai di gloria degno.
 +
Coro I:
 +
Quai fian le fiamme, i lacci e dardi e l'arco,
 +
di ch'or ti veggio scarco,
 +
Coro II:
 +
ambro in avorio, perle con rubini,
 +
rose fra gigli ed oro
 +
Tutti:
 +
con che natura in modi alti e divini
 +
fe' questo suo tesoro
 +
queste dunque son armi
 +
si, ben d'arder il giaccio
 +
e romper i marmi
 +
e per far dal suo choro
 +
scender qui Giove e transformarsi in toro.}}
  
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Renaissance music]]
 
[[Category:Renaissance music]]

Revision as of 19:33, 2 December 2018

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2018-12-02)   CPDL #52494:     
Editor: Allen Garvin (submitted 2018-12-02).   Score information: Letter, 8 pages, 142 kB   Copyright: CC BY NC
Edition notes:

General Information

Title: Amor, ond'è che tutto disarmato
Composer: Mateo Flecha el Joven
Lyricist:

Number of voices: 8vv   Voicing: Unknown
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

Published: 1568

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Coro I:
Amor, ond'è che tutto disarmato
lasciando Papho~e Gnido
d'Adria volaste in questo picciol nido.
Coro II:
Per far il mio bel regno
con la ricca beltà di questo lido.
grande è più ch'ancor mai di gloria degno.
Coro I:
Quai fian le fiamme, i lacci e dardi e l'arco,
di ch'or ti veggio scarco,
Coro II:
ambro in avorio, perle con rubini,
rose fra gigli ed oro
Tutti:
con che natura in modi alti e divini
fe' questo suo tesoro
queste dunque son armi
si, ben d'arder il giaccio
e romper i marmi
e per far dal suo choro
scender qui Giove e transformarsi in toro.