Già avea l'eterna mano d'ogni sua stella (Philippe de Monte)

From ChoralWiki
Revision as of 04:02, 15 October 2019 by Bcjohnston523 (talk | contribs) (Text replacement - "\{\{Published\|([0-9]*)\|" to "{{Pub|1|$1|")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2018-11-22)   CPDL #52222:   
Editor: Allen Garvin (submitted 2018-11-22).   Score information: Letter, 14 pages, 242 kB   Copyright: CC BY NC
Edition notes:

General Information

Title: Già avea l'eterna mano d'ogni sua stella
Composer: Philippe de Monte
Lyricist: Pietro Arigone (?)create page

Number of voices: 5vv   Voicing: Unknown
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published: 1581 in Il decimo libro delli madrigali à 5 voci (Scotto press, Venice)

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Già avea l'eterna mano d'ogni sua stella
Fatto il sereno ciel lucente, e adorno;
E di Febo la candida sorella
Facea parer la notte un chiaro giorno;
Stanca già sen dormia la pastorella,
Che avea il discorso il monte, e'l piano intorno,
Quando con quella, che mi ancide, e sface,
Il dolce sonno mi promise pace.

Parea dicesse con aperte braccia
D'averti usato torto, or mi pent'io
Stringemi forte e dolcemente abbracia
Che tu sei la mia vita ed il cor mio
Succia ste labbia e questa fronte baccia
E tempra or mai l'ardente tuo desio
Al' or mi tenn'io sol felice in terra
Ma l'amaro vegghiar mi torno in guerra.

E perch'io torni a le mie usate pene
Sparve il sonno qual nebbia a un fiero vento
Ond'io pien d'ogni duol fuor d'ogni speme
Suegliato mi trovai solo e scontento
O breve gioia, o fuggitivo bene
Come lieve t'involi in un momento
Ben posso dir Amor con la tua pace
Il dolce sonno è ben stato falace.

Credei mentre io dormia ch'egli già satio
Del mio dolor de le miserie mie
Fatto avendo di me si lungo stratio
Avesse anco oggi mai voglie più pie
Ma suegliato m'accorsi in breve spatio
Che si facean maggior mie pene rie,
Il duolo falsamente il sonno atterra
Ma l'amaro vegghiar, ohime, non erra.

Nasce il gran piecer mio da van gioire
Che se mi fugge in un tratto com'ombra
Se da vera cagion nasce il martire
Che ogni piacer fin dentro il cor mi sgombra
Così quiete non trova il mio desire
Se non nel falso che l'anima ingombra,
Fugga dunque da me cosa verace
Se'l ver m'annoia e'l falso si mi piace.

Non sia più meco quel ch'io odo vero
Ma quel soave falso eternamente
Poi che di si dolce esca il mio pensiero
Pasce la mesta e travagliata mente
Fugga da me il venen mortal e fiero
Che le mie gioie eternamente ba spente,
E poi ch'ogni mio ben mi toglie e serra
Non oda o veggia mai più vero in terra.