Difference between revisions of "Ingrata e la mia donna (Adrian Willaert)"

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search
(New work page created)
 
 
Line 14: Line 14:
 
{{Language|Italian}}
 
{{Language|Italian}}
 
{{Instruments|A cappella}}
 
{{Instruments|A cappella}}
{{Pub|1|1557}}
+
{{Pub|1|1557}} in ''Di Cipriano de Rore Il quarto libro di madrigali a 5 voci'' (Antonio Gardano press, Venice)
  
 
'''Description:'''  
 
'''Description:'''  
Line 21: Line 21:
  
 
==Original text and translations==
 
==Original text and translations==
{{NoText}}
+
{{Text|Italian|
 +
Ingrata è la mia donna, e così ingrata
 +
Mi piace sì che non può darmi il cielo
 +
Gratia maggior ch'in bel candido velo
 +
Farmi veder questa mia donna ingrata.
 +
 
 +
E perché io peni, e perché ella sia ingrata
 +
Che de l'un' e de l'altro mi querelo
 +
Mentre fia caldo il sol e freddo il gielo
 +
Sempre fia l'idol mio costei ch'è ingrata.
 +
 
 +
Ingrata hai lasso l'amo, e tant'ha il core
 +
Tregua coi miei sospir, quanto più ingrata
 +
La mostra a miei desir sovente Amore.
 +
 
 +
Gioisco nel mio mal perché ella è ingrata
 +
Così ingrata da pace al mio dolore:
 +
O che dolce languir per donna ingrata.
 +
}}
  
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Renaissance music]]
 
[[Category:Renaissance music]]

Latest revision as of 13:54, 27 September 2019

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
File details.gif File details
Question.gif Help
Editor: Allen Garvin (submitted 2019-09-27).   Score information: Letter, 8 pages, 152 kB   Copyright: CC BY NC
Edition notes:

General Information

Title: Ingrata e la mia donna
Composer: Adrian Willaert
Lyricist:

Number of voices: 5vv   Voicing: Unknown
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published: 1557
in Di Cipriano de Rore Il quarto libro di madrigali a 5 voci (Antonio Gardano press, Venice)

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Ingrata è la mia donna, e così ingrata
Mi piace sì che non può darmi il cielo
Gratia maggior ch'in bel candido velo
Farmi veder questa mia donna ingrata.

E perché io peni, e perché ella sia ingrata
Che de l'un' e de l'altro mi querelo
Mentre fia caldo il sol e freddo il gielo
Sempre fia l'idol mio costei ch'è ingrata.

Ingrata hai lasso l'amo, e tant'ha il core
Tregua coi miei sospir, quanto più ingrata
La mostra a miei desir sovente Amore.

Gioisco nel mio mal perché ella è ingrata
Così ingrata da pace al mio dolore:
O che dolce languir per donna ingrata.