Chi mett'al Lotto (Orazio Vecchi)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf_globe.gif Pdf
Icon_mp3_globe.gif Mp3
Icon_zip_globe.gif Zip file
File details.gif File details
Question.gif Help
  • CPDL #19213:  Icon_pdf_globe.gif Icon_mp3_globe.gif Icon_zip_globe.gif (MusiXTex)
Editor: Christian Mondrup (submitted 2009-04-11).   Score information: A4, 25 pages, 214 kB   Copyright: Personal
Edition notes:

General Information

Title: Chi mett'al Lotto
Composer: Orazio Vecchi

Number of voices: 7vv   Voicing: ATT.SATB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

Published: 1590

Description: first published in Selva di Varia Ricreatione (Venezia 1590)

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Chi mett’ al Lotto
Quai sono i premij c’havrà il fortunato?
Al primo sarà dato
Di Ciprign’ il leggiadr’ e vago volto
Questo ci piace molto
Un’ altr’ haurà d’Appolla bionda testa
O che ventura è questa
L’ultimo di Mercurio il dir facondo
O premio unic’ al mondo
Per voce che si paga?
Una lagrima sola un sospir solo
Quest’ è una poca paga
V’ entra poi fraud’ ò duolo?
No che son’ assistenti
L’honest’ è l Giust’ à la ventura intenti
Chi l’Urna move?
Il Fato
E chi da’l pregio?
Il Guiderdone
E chi griderà bianco?
Il Fato
E chi da’l pregio?
Il Guiderdone
E chi griderà bianco?
L’Ingratitudin ch’è dal lato manco
Hor attendete Amanti al vostro motto
Del pretioso Lotto.

Sua ventura hà ciascun dal dì che nasce.
Gratia ventura
Quest’è quel fortunato
Che del volto di Venere è gratiato
Passiam’ à l’altra
A sorte s’indovina
Bianco bianco

La speranza mi pasce
Bianco bianco
Gratie ch’à pochi il ciel largo destina
Mie venture al venir son pigre e tarde
Bianco bianco
Sors bona nihil aliud
Bianco bianco

A i Lotti non do fede
Bianco bianco
S’acquistan per ventura e non per arte
Nemo sua sorte contentus
Bianco bianco
Piu ne giova quel ben che men s’aspetta
Gratia ventura.

Hora che’l crin de l’oro
De l’Auriga celeste in premio è dato
Sol vi riman del Messagier alato
La facondia
Hor veggiam di chi la sia

Si mi estreglia me ghia
De sta vez seras mia
Bianco bianco

O affortao mi Pantalon
Se me busco sto boccon
Le visage di Vener par ma foi
Je suis bien sert que sera de moi
A su pur ach merlot
S’à crez d’havi sto lot
Frate se’l luotto mi bourrà toccare
Chisso, e chillo, e chillautro hà da spantare.
Bianco bianco

Io havro da favor che sta ventura
L’ha da tuccar à qualche creatura
Se mi toccher fentur da compagnon
Mi folere far un trinchere col fiascon
Bianco bianco

Fasil’ intmè cascher à la Rmegna
Se no cha digh iet sì chencher’ ì megna
Vuot una ruzla de Sulcizza fina
E fa cla tocca à la me Mudnina
Bianco bianco

Il di che costei nacque eran le stelle
Che producon fra noi felici effetti
Gratia ventura
Facciam s’innanzi li tre fortunati
Ecco ecco i premij bramati
Siamo qui siamo qui Guiderdon’ apparecchiati
Dica ciascuno il numero del motto
Trenta quaranta
E’l mio novanta ottobre
Hor prendete
Eccovi il lotto
Onde felici sete
Gratia ventura.