Qual nemica fortuna (Orlando di Lasso)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2018-09-09)   CPDL #51267:       
Editor: Willem Verkaik (submitted 2018-09-09).   Score information: Letter, 17 pages, 1.18 MB   Copyright: CPDL
Edition notes: All parts are in one file. MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: Qual nemica fortuna
Composer: Orlando di Lasso
Lyricist:

Number of voices: 5,6vv   Voicings: SATTB or SSATTB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published: 1567 in Libro quarto de madrigali a 5 voci, no. 12

Description: There are 6 parts. The 6th part is for SSATTB

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

1. Qual nemica fortuna oltra quest' alpe,
Mi trahe da gli occhi un lagrimoso fiume,
E m'ha sospinto in solitaria valle,
Come già in caria il vago de la luna
Co' sospir, che disfar ponno la neve
E render molle ogni più dura pietra.

2. Lasso, che tal non hanno alpestre pietra
Fra le pendici più riposte l'alpe,
Nè di molti anni sì indurata neve,
Che questa il sol, quella non franga il fiume;
E già infiammossi la gelata luna
Tal, che discese nella latmia valle.

3. Sol io quanto più piango in cieca valle
Trovo più dura la mia bella pietra
E nel sereno volto della luna
Lei contemplando il mio dolor a l'alpe
Assembro, e'l pianto mio dirotto al fiume,
E'l timor, che m'ingombra a questa neve.

4. Tal hor dico: 'l suo cor sembra la neve,
E'l mio fosco pensier l'oscura valle;
La sua eloquentia il mormorar del fiume,
E l'ostinata mia voglia la pietra.
L'altera mente sua simigli' a l'alpe,
Et il mio stato a l'inconstante luna.

5. Tal hor par mi la luce de la luna
Del suo bel seno l'amorosa neve
E tal hor movo per poggiar su l'alpe
A mirar indi la felice valle,
Ove a l'idolo mio di viva pietra
S'inchina de l'Italia il maggior fiume.

6. Re de gli altri, superbo altero fiume,
Ch'ai l'imagine tua sovra la luna,
Tu forse hor bagni humil quella alma pietra,
Ch'or mi fa 'l cor di fiamm' et hor di neve.
Et io piangendo in tenebrosa valle
Ho più duri pensieri assai, che l'alpe.
  Ovra fra le fredd' alpe frange un fiume
Per aspra valle al lume de la luna.
Canzon son neve, e sarò forse pietra.