Al dolce suon del mormorar de l'onde

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

General information

A double-sestina by Antonio Minturno

Settings by composers


Text and translations

Italian.png Italian text

Prima parte
Al dolce suon del mormorar de l'onde,
Al nov' odor de le fiorite piagge,
A l'arene de l'oro ai ricchi scogli,
Al bel cantar de le Sirene al porto.
Delle fati che mie mi scors'un lume,
Ch'in fin qua giu m'ardea dal terzo cielo.

Seconda parte
Mai non si vide piu seren' il cielo,
Ne piu tranquill' il mar fra liti e l'onde,
Ne piu benigno l'un e l'altro lume,
Ne piu felice l'aura per le piagge,
Ne piu destr' il camin d'andar' a porto,
Ne piu sicuro il navigar tra scogli.

Terza parte
Perche lontana da fallaci scogli,
Da venti avversi da gravato cielo.
La navicella mia vaga del porto,
Misi tost' a solcar le placid' onde.
Verso le bell'et odorate piagge,
Mirando sempr' il mio fidato lume.

Quarta parte
Qual nave scorta da celeste lume
Scevra da le tempest' e da li scogli.
A qualche seno di vezzose piagge,
Giung' al fin lieta col favor del cielo,
Tal ch'io senza temer di rapid' onde,
Era condotto a riposato porto.

Quinta parte
Et hor veggio fortuna in mezzo il porto,
Hor che vederm' è tolto il vivo lume,
Turbar subitamente l'aer' e l'onde,
E fremer fra l'aren' e fra li scogli.
Et oscurato d'ogn' intorn' il cielo,
Allontanar mi da l'amate piagge.

Sesta parte
Di color mille e variate piagge,
Ove siet' hora ov' l'amoroso porto,
Ov' quel che gia mi serenava'l cielo,
Chiaro soave e glorioso lume
Ov' l'arene di lette e i cari scogli,
E con l'alto mio mar le lucid' onde.

Settima parte
Eolo crudel come turbasti l'onde,
De l'almo mar' e l'honorate piagge,
Come volgesti fra dubbiosi scogli,
La nave mia fuor de l'usato porto.
Come col mio leggiadro e santo lume
Togliest' a gl'occhi miei la terr' e'l cielo.

Ottava parte
Oscur' abisso mi s'è fatt' il cielo,
Amaro pianto e pien di torbid' onde.
Il mar mio dolce e'l vag' e puro lume,
Horribil notte e tra deserte piagge.
Alpestre seno il dilettoso porto,
E mal fidat' i gia securi scogli.

Nona parte
Ne piu riveggio per erbosi scogli,
Quando si chiude o quando s'apr' il cielo,
Pescar le Ninfe ne cantar in porto.
Ne gir notando coi delfin' in onde,
Ne fior cogliendo per apriche piagge,
Ne lieti giorni del beato lume.

Decima parte
Duolsi Giunon di non haver piu lume,
Le sirene da lor' antichi scogli.
Dilungate ne vann' a nove piagge,
Arma le stelle dispietat' il cielo,
E'l gran Netuno uscit' è fuor de l'onde,
Et a stanchi nochier si nega il porto.

Undecima parte
Lungi dal mio tranquill' e fido porto,
Lasso vad' io senza felice lume,
Senza governo per terribil' onde.
Pinto fra tempestosi e duri scogli.
Da fieri venti sott' horribil cielo,
Alle piu sole et arenose piagge.

Duodecima parte
Quando fia ch'io le verdi amiche piagge,
A veder giunga e di mia vita'l porto,
La terr' allegr' e l'aque chiare'l cielo,
Ch'adorno sia del piu c'humano lume,
Et udir per l'arene e per li scogli,
Cantar l'alme Sirene al suon de l'onde.

Ultima parte
Super l'onde le fiere e per le piagge,
Fian prim' i pesci e tra li scogli il porto,
Che del mio lume qui s'allegra'l cielo.

 

External links